Home Su 

Pankratio
Scuole & Istruttori Storia Caratteristiche Principi Pankratio Escrima Difesa Donne

Home
Su

 

 

PANKRATIO

 

Il Pancrazio Ŕ un antico sport da combattimento, un agone atletico, che faceva parte dell'atletica pesante di origine greca antica e  consisteva in un misto di lotta e pugilato, il termine in greco antico traslitterato in pankrÓtion, significa onnipotenza, da pan = tutto e krÓtos = potere, forza; ad indicare che il lottatore sconfiggeva l'avversario usando tutta la sua forza e tute le parti del corpo con ogni tecnica ammessa.

STORIA : Questo "sport" fu ammesso ufficialmente alle olimpiadi nel 648 a.C. Il pancrazio era uno agone da combattimento totale dove tutte le tecniche erano ammesse, tranne il mordere e il graffiare, punite severamente con frustate dall'arbitro o dall'allenatore di turno. Pankration e' l'unione di due termini greci, Pan tutto e Kratos, potenza. Il significato di questo legame Ŕ  proprio "Onnipotenza", che annuncia giÓ lo scopo e il fine di questo sport: sottomettere l'avversario ed assurgersi a diventare il pi¨ potente. Logicamente con questo asserto, le prese e i colpi di potenza e la spettacolarita' nel sottomettere con forza, la facevano da padrone. Questa disciplina era un insieme di tecniche prese dalla lotta (Pale) e dal pugilato (Pygme) e adattate ad un nuovo sistema di combattimento. Inoltre erano inserite tecniche sviluppate solo per questo contesto, le Pankration techne, che davano modo di fluire durante l'azione totale e permettere l'uso di qualsiasi abilitÓ che in uno sport totale Ŕ ed era ritenuto essenziale. Infatti caratteristica originale era il poter combattere a tutti i livelli di altezza e a tutte le distanze. Gli incontri di pancrazio venivano effettuati a mani nude, anche se talvolta si usavano delle strisce di cuoio, di circa quattro metri, attorno ai polsi e ai pugni, che formavano una sorta di guantino (himas). Non c'erano ne' rounds e ne' limiti di tempo, si combatteva fino alla resa di uno dei due che poteva essere per cedimento, per il classico ko o dichiarata dallo stesso atleta, che onorava, quando poteva fisicamente, il vincitore mostrando la sconfitta alzando l'indice in s¨ verso l'arbitro. Talvolta e non di rado un atleta si ritirava per timore di scontrarsi con qualche campione che vinceva senza "sporcarsi di sabbia", l' Akoniti.

Ogni martedý, dalle 20:30 alle 22:00  presso palestra Athena di Schio (VI)

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Pancrazio

 

Faber quisquis fortitudtnis suae

(Ciascuno Ŕ artefice della propria forza)

 

Inviare a info@pentagym.it, o a pentagym@tiscalinet.it, un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Ultimo aggiornamento: 04-06-14

by dgd